Global

‡ In these countries please contact our distributor

T

Tessuto necrotico o devitalizzato

La presenza di tessuto necrotico e/o devitalizzato ostacola la guarigione: impedisce la valutazione delle dimensioni, della profondità della lesione e delle strutture interessate al processo ulcerativo; è focolaio di infezione, prolunga la fase infiammatoria, ostacola meccanicamente la contrazione e disturba il processi di riepitelizzazione.

Cosa si osserva

Presenza di abbondante tessuto necrotico o devitalizzato, escara dura, slough, depositi di fibrina.

Come si interviene

Debridement (sbrigliamento), se necessario, ripetuto: allontanamento del tessuto necrotico/devitalizzato per ripristinare la funzionalità del fondo di lesione.

Debridement chirurgico

Di prima scelta in ferite estese, infette e per la rimozione di frammenti ossei (sistema idrochirurgico: Versajet*).

Richiede esperienza della procedura e cautela in pazienti immunocompromessi ed in terapia anticoagulante.

Debridement enzimatico

Sinergico a quello chirurgico ed autolitico.

La COLLAGENASI è il prodotto che meglio concentra efficacia, tollerabilità, facilità di somministrazione ed azione selettiva sul tessuto non-vitale, con risparmio di quello sano.

Meno rapido di quello chirurgico.

Debridement autolitico

Metodo "naturale".

Le medicazioni che creano un ambiente umido (idrogel: Intrasite* Gel e Intrasite Conformable; idrocolloidi: Replicare*Ultra ) facilitano l'azione dei fagociti, la detersione spontanea e la formazione di tessuto di granulazione.

Va monitorato attentamente per il rischio di infezione.

Debridement meccanico

Adatto a ferite necrotiche in fase infiammatoria, specie se usato in associazione con altri metodi.

Non adatto a ferite in fase di granulazione con cellule endoteliali ed epiteliali fragili.

 


Selezione del metodo di debridement (modificato da Sibbald RG et al 2000)

Tabella selezione metodo di debridement


 

Effetto dell'intervento

Ripristinata funzionalità delle proteine della matrice extracellulare.

Fondo della lesione deterso e vitale.