Global

‡ In these countries please contact our distributor

Algoritmo metodologico

Cliccare qui per scaricare una copia ad alta risoluzione dell'algoritmo metodologico in formato PDF (tempo necessario: 2 minuti circa - Dimensione 92 KB).

Preparare il letto della ferita

Trattare le cause

Valuta la capacità di guarigione del paziente. Devi considerare un adeguato apporto sanguigno ed altri co-fattori presenti (co-morbidità, terapie concomitanti).

Correggi le cause trattabili del danno tessutale.

Problematiche relative ai dubbi del paziente

Fai in modo che il paziente prenda parte al processo decisionale. Il dolore e la qualità della vita dovrebbero essere documentate e far parte del piano di trattamento.

Promuovi educazione e supporti per un trattamento centrato sul paziente, per aumentare la coerenza con il trattamento stesso.

 Gestione locale della lesione  

Valuta e monitorizza la storia e le caratteristiche fisiche della lesione (localizzazione, dimensioni, essudato, cute perilesionale, radiazione e dolore).

 Debridement

Sbriglia le lesioni guaribili, rimuovendo i tessuti non vitali e necrotici con differenti metodiche (chirurgica, enzimatica, autolitica e meccanica). Le lesioni non guaribili dovrebbero ricevere solo una rimozione dei tessuti non vitali, poichè è controindicato un debridement per provocare sanguinamento.

Persistenza di infiammazione e carica batterica Valuta la lesione in rapporto alla carica batterica, l'infezione e la persistente infiammazione.

Usa soltanto agenti antibatterici topici non sensibilizzanti per gestire i sintomi locali e per i segni di aumento della carica batterica.

Usa antibiotici sistemici se i segni clinici di infezione si estendono aldilà dei margini della ferita o l'ulcera raggiunge l'osso.

In caso di infiammazione persistente, anti-infiammatori topici o sistemici possono essere presi in considerazione, sulla base di un approccio superficiale, locale o sistemico alla malattia

Equilibrio dei fluidi di lesione Detergi le lesioni con soluzione salina o acqua sterile.
L'uso di antisettici topici dovrebbe essere dedicato solo a lesioni complesse o quelle che mostrano una carica batterica preoccupante e prioritaria rispetto alla stimolazione alla guarigione.

Scegli una medicazione adeguata per bilanciare i fluidi e per stimolare la formazione del tessuto di granulazione e la ri-epitelizzazione

Effetti sui margini della lesione

Valuta il tasso atteso di guarigione, per determinare se il trattamento in atto è quello ottimale. Se si osserva un tasso di guarigione non ottimale, rivalutare le cause ed i dubbi correlati alla situazione del paziente.

Utilizza le terapie attive (agenti biologici, innesti di cute, terapie adiuvanti) quando tutti gli altri fattori sono stati corretti e se il processo di guarigione non è ripartito. 

 In generale

Per migliorare i risultati, l'educazione e le evidenze devono essere applicate all'interno di team multi-disciplinari che prevedano la collaborazione di tutti i sistemi di cura. 

Da: Preparing the Wound Bed 2003: Focus on infection and inflammation

Ostomy Wound management; 49(11):24-51

Sibbald RG, Orsted H, Schultz GS, Coutts P and Keast D

Reg: Falanga V. (2000)